Regolamento Comune di Milano


Il Comune di Milano ha stilato un "Regolamento Comunale di tutela degli animali", per disciplinare la loro protezione ed il loro benessere, nell‘ambito delle competenze comunali. Si ritiene utile ed opportuno trascrivere un estratto dei Capitoli piú importanti, "a futura memoria".

 

Quanti conoscono cosa significa: "Possedere un cane".

É una domanda che deve essere rivolta a ogni proprietario di cani, siano essi di razza o bastardi, per poter conoscere e capire quale reale rapporto esiste, o debba esistere, fra colui che per infiniti motivi ha deciso di convivere con un altro essere. Parlare, infatti, solamente di possesso, é come spersonalizzare la stessa proprietá; esser indifferenti e privi di emozioni e d‘interesse nei suoi confronti. Qualsiasi decisione all‘acquisto di un cane deve, quindi, essere motivata e ponderata. Cosa potrá succedere, allora, quando ci si troverá di fronte ad un cucciolo che guaisce e ti scodinzola fra le gambe, che si accuccia affettuoso tra le tue braccia, mentre senti il suo cuoricino pulsare quasi all‘unisono con il tuo? Sono sicuramente momenti di pura commozione che ti fanno comprendere che c‘é qualcosa di nuovo e di diverso, e che é una cosa il concetto di proprietá.

É un legame d‘affetto che si genera e si moltiplica giorno dopo giorno, ricco di entusiasmi, di gioie ed anche di apprensioni. Ma, non é tutto. Nasce il problema della convivenza. Una persona sola, puó creare piú facilmente l‘unisono (uomo-cane), un‘intesa di reciproca dipendenza, che si traduce nella condivisione quotidiana. Altra situazione si crea, invece, quando il cane entra a far parte di un nucleo famigliare, dove molteplici sono le sollecitazioni, le esigenze e le tolleranze, le quali possono essere motivo di attriti e discussioni fra i componenti stessi..

É pur vero che il cane sa scegliere il suo padrone; colui al quale ubbidisce, trascurando con "intelligenza" le confidenze degli altri; ma fondamentale é comprendere che il cane, scelto, ha diritto di essere considerato come un membro di quella famiglia. Sembra che cosí tutto debba filare liscio.

Certamente, ma bisogna anche accudire alla loro pulizia, ai loro bisogni, alla loro regolare alimentazione, alla libertá di poter correre quotidianamente nei prati, considerare la differenza disesso nei rapporti con i loro simili, e ... chi piú ne ha piú ne metta. Nelle poche righe che sono state scritte, si é accennato genericamente a quali possono essere i rapporti e le regole che devono impegnare coloro che sono proprietari di un cane, ma non dimentichiamoci che quanto scritto non é soltanto qualcosa di confidenziale, affidato al buon senso degli interessati, é legalizzato dalla "Dichiarazione Universale dei diritti dell‘Animale", proclamata dall‘UNESCO nel 1978, e confermata dalla "Convenzione Europea per la protezione degli animali d‘affezione" a STRASBURGO nel 1987.

Download
Scarica il regolamento del Comune di Milano:
COMUNE DI MILANO.pdf
Documento Adobe Acrobat 166.7 KB